Chiudi ×

puoi premere Esc per chiudere

In questo spazio potete visualizzare in tempo reale:

  • I nostri video
  • Le comunicazioni ai nostri clienti
  • Le promozioni in corso
  • Le previsioni meteo a Treviso nei prossimi 4 giorni

 

Viola odorata, violette di Parma, Viola sulphurea, tutti i colori delle viole

mercoledì, 18 febbraio 2015

tutti i colori delle viole dei vivai priola

Viola odorata, violette di Parma, Viola sulphurea, tutti i colori delle viole non si possono certo limitare a solo tre varietà di viola. Amo le viole, ne coltivo oltre 98 varietà, e ogni anno dedico con grande piacere un appuntamento in vivaio e un articolo di approfondimento sul tema delle violette. Tra tutte le viole, della mia collezione, ve ne sono alcune che preferisco: la Viola ‘Lisa’, la Viola sulphurea ‘Phyl Dove’, la Viola ‘Zurigo’ e la Viola ‘Rose Bruneau’.

La storia di queste quattro viole mi sembra rappresenti bene il continuo interesse e curiosità del mondo florovivaistico per questo fiore che può davvero stupire chi è ancor oggi legato all’immagine ‘classica’ della violetta.

Chi coltiva violette sa che a volte sono capricciose, in particolare alcune viole a fiore doppio che sono piuttosto delicate ed amano il clima mite, ma se si prestano le necessarie cure e attenzioni le vedremo rifiorire generosamente ogni anno e ci daranno anche molte soddisfazioni.

I tempi d’oro della ‘Violettamania’ certamente sono passati ma il mondo delle viole è in continuo mutamento (anche per una naturale inclinazione delle viole stesse) e dona ogni anno nuove cultivar come quella tenuta a battesimo qui da noi lo scorso anno da Rosita Missoni e come quella che battezzerà sabato 14 marzo 2015 la nostra ospite Silvia Arnaud Ricci nel corso dell’evento in vivaio ‘I giorni delle viole‘, un evento annuale che si protrarrà fino a domenica 15 Marzo 2015 .

Queste quattro cultivar: la Viola ‘Lisa’, la Viola ‘Phyl Dove’ e due violette di Parma la timida Viola ‘Zurigo’ e la deliziosa Viola ‘Rose Bruneau’ mi sono particolarmente care sia per le difficoltà che per le curiose circostanze che me le hanno fatte incontrare.


Viola odorata ‘Lisa’

La Viola odorata ‘Lisa’ è una delle prime selezioni nate spontaneamente nel nostro vivaio tra il 1972 e il 1973 e da allora sembra impossibile che siano già passati oltre 40 anni di attività! Il suo nome ne svela l’età e la caratteristica distintiva. Vi ricordate la canzone ‘Lisa dagli occhi blu’? Quando abbiamo selezionato questa viola si ascoltava spesso alla radio. La canzone è del 1969 ed era cantata da Mario Tessuto.
La Viola odorata ‘Lisa’ ha davvero gli occhi blu perché presenta delle maculature blu (occhi) sui petali. Il fiore è semplice e di media grandezza. Il colore di fondo è un tenue rosa ciclamino. La foglia è cuoriforme di un bel verde intenso. L’insieme del fogliame e del fiore ha un effetto molto raffinato.
La viola ‘Lisa’ è un incrocio spontaneo della Viola ‘Red Charme’ (1955).

imagine della Viola odorata 'Lisa'

Viola odorata ‘Lisa’ (1972-1973)


Viola sulphurea ‘Phyl Dove’

La Viola sulphurea ‘Phyl Dove’ è originaria dell’Australia, la data di selezione è sconosciuta.
La Viola ‘Phyl Dove’ deriva dalla Viola sulphurea e ha fiori di un color pesca-rosato, la fioritura è leggermente più tardiva della Viola sulphurea. Il fiore è piuttosto grande e semplice. Dal fogliame compatto il fiore emerge molto bene in tutte le sue calde tonalità.

immagine della Viola sulphurea 'Phyl Dove'

Viola sulphurea ‘Phyl Dove’ (data sconosciuta)


Viola ‘Zurigo’

Ancor oggi l’origine della viola che ho chiamato “Zurigo” è incerta. Il nome deriva dal luogo del suo ritrovamento una piccola località vicino a Stäfa in Svizzera. Certo è una viola doppia e si ricollega a quel meraviglioso universo rappresentato dalle profumatissime violette di Parma. I fiori sono doppi di bel un viola scuro con margine interno striato di bianco.
Il portamento è tipico di molte violette di Parma con fiore ‘timido’ che resta quasi nascosto dalle foglie che lo aiutano a proteggersi dalle intemperie. La viola ‘Zurigo’ ha una bella caratteristica distintiva, è abbastanza resistente al freddo (forse questo ne ha favorito la coltivazione in Svizzera).

immagine della Viola 'Zurigo'

Viola ‘Zurigo’ (origine sconosciuta)>

La viola ‘Zurigo’ ha molte affinità a livello di forma e colore del fiore con la viola ‘Double Foncée de M.me Dumas’ una varietà robustissima, ma rispetto alla stessa ha fogliame più scuro e opaco.

immagine della Viola ‘Double Foncée de M.me Dumas’

Viola ‘Double Foncée de M.me Dumas’Vai alla scheda della pianta per acquistarla


Viola ‘Rose de Bruneau’

La Viola ‘Rose de Bruneau’ (1889 circa)
Fiori doppi di colore rosa-lilla scuro. Questa viola spesso viene confusa con la viola ‘Bruneau’ o ‘Double de Bruneau’ che riporto di seguito che ne è probabilmente la pianta ‘madre’. Il differente colore dei fiori e l’aspetto delle due piante le rende in ogni caso inconfondibili.
Ho inserito la Viola ‘Rose de Bruneau’ anche per farvi comprendere le difficoltà legate a giungere ad una corretta e definitiva catalogazione delle cultivar e agli equivoci o errori in cui io stesso ogni tanto posso incorrere nonostante le continue ricerche e revisioni. Questa volta penso e spero di essere riuscito a fare chiarezza, almeno per questa viola. Sarà un piacere ascoltare chiunque abbia altre indicazioni o soluzioni all’enigma.

Viola odorata 'Rose de Bruneau'

Viola odorata ‘Rose de Bruneau’ (1889 circa))Vai alla scheda della pianta per acquistarla

La viola ‘Bruneau’ o ‘Double de Bruneau’ a differenza della ‘Rose de Bruneau’ ha fiori doppi di color blu-lilla-lavanda profumatissimi sopra il fogliame, inizia una piccola fioritura già da fine ottobre poi da marzo-aprile a volte anche fino a maggio, pianta molto robusta.

Viola odorata ‘Double de Bruneau’ = 'Bruneau' (Parigi 1826)

Viola odorata ‘Double de Bruneau’ = ‘Bruneau’ (Parigi 1826)Vai alla scheda della pianta per acquistarla


Ovviamente con l’articolo non si esaurisce il tema vasto come quello delle viole che in ogni caso ho già trattato in precedenti articoli. Se siete interessati all’argomento potete consultare le altre pagine presenti sul sito alla pagina ‘FAI DA TE‘ e alla voce ‘le viole consigli sulla coltivazione‘.

Invito nuovamente a venirci a trovare in vivaio il 14 e 15 marzo 2015 per ‘I giorni delle viole’.
Rammento inoltre il programma di sabato 14 in cui la gentilissima signora Silvia Arnaud Ricci terrà a battesimo una nuova violetta.

La giornata di domenica 15 sarà allietata da un intervento dell’amico Carlo Pioli di ‘Parma Color Viola‘ che verso le ore 11:00 farà una piccola conferenza su un tema strettamente legato al mondo delle viole, quello dei profumi Borsari e ci parlerà della Viola odorata ‘Marie Louise’ … forse la più famosa delle violette di Parma, a lui tanto cara, preziosa eredità di Maria Luigia e di Lodovico Borsari, che nel 1870 diede avvio alla tradizione del celebre profumo.

Parma e Colorno, i luoghi di Maria Luisa d’Austria, mi ricordano il premio alla viola più bella dedicatoci da ‘Parma color Viola’ e conferitoci durante la mostra ‘Nel segno del Giglio‘ svoltasi al Palazzo Ducale di Colorno nell’aprile del 2011 (cliccando qui il link all’articolo).

Pier Luigi Priola

X Chiudi

Tutti i campi sono obbligatori