Chiudi ×

puoi premere Esc per chiudere

In questo spazio potete visualizzare in tempo reale:

  • I nostri video
  • Le comunicazioni ai nostri clienti
  • Le promozioni in corso
  • Le previsioni meteo a Treviso nei prossimi 4 giorni

 

Le persicarie: come coltivarle

domenica, 28 luglio 2013

CLIM

Le persicarie amano gli angoli freschi e umidi vicino a laghi o fiumi e, quasi tutte, resistono sino a -12/-15 °C.

ESPOSIZIONE

Per la Persicaria amplexicaulis è ideale la mezz’ombra, con qualche ora di sole al mattino, mentre P. virginiana, P. affinis e P. runcinata crescono bene sia all’ombra sia a mezz’ombra. Sui terrazzi preferiscono angoli rivolti a nord o est, meno soleggiati e meno esposti a venti caldi.

TERRENO

Fresco, umifero, molto permeabile, meglio se leggermente acido.

PIANTAGIONE

La si può effettuare in qualsiasi momento dell’anno, ma è preferibile l’inizio della primavera per godere subito delle fioriture estive e autunnali. Per la piantagione basta scavare una buca poco più grande del pane di terra, interrare e bagnare subito dopo. La densità di piante per metro quadrato è di 8-9 per Persicaria affìnis, di 2-4 per le altre persicarie.

IRRIGAZIONI

Dalla primavera all’autunno il terreno deve restare sempre umido. D’inverno, quando il fogliame cade con le prime gelate, si interrompono le irrigazioni.

CONCIMAZIONI

All’inizio della primavera si sparge una piccola manciata di cornunghia vicino a ogni pianta e la si incorpora nel terreno con una lavorazione superficiale.

MOLTIPLICAZIONE

Persicaria affinis si moltiplica per divisione in primavera o in autunno; le altre specie per talea a fine aprile. Volendo utilizzare questo secondo metodo, si procede così. Si individua un fusto vigoroso, si taglia la punta e si preleva una porzione provvista di due foglie (ciascuna con una gemma all’ascella), tagliando un centimetro sopra la foglia in alto e un centimetro sotto l’altra; quindi si elimina quest’ultima foglia con un taglio che non rovini la gemma e si interra la talea per un terzo della lunghezza in un vaso di cotto di 15-20 cm di diametro, riempito con terriccio da semina. Le talee, 3 o 4 per vaso, vanno disposte lungo i bordi, in modo che le foglie non si tocchino, quindi si bagna. Si copre il vaso con un telo di plastica trasparente tenuto sollevato da bastoncini e si sistema a mezz’ombra. Nei giorni seguenti, se fa molto caldo, si solleva la plastica nelle ore centrali della giornata per far circolare l’aria. Quando iniziano a nascere le prime foglioline si toglie il telo e si lascia rinforzare. Trascorsi ancora 3-4 giorni, le talee si trapiantano singolarmente in vasi di 9-12 cm di diametro riempiti con terriccio universale. Quando, a fine luglio, le radici avranno riempito il pane di terra si mettono a dimora.


Potete acquistare le persicarie presso il nostro vivaio o direttamente online cliccando su Persicarie


Con i consigli di Pier Luigi Priola

Articolo apparso su ‘Gardenia’ numero 351 a pagina 81 – luglio 2013.

X Chiudi

Tutti i campi sono obbligatori