Chiudi ×

puoi premere Esc per chiudere

In questo spazio potete visualizzare in tempo reale:

  • I nostri video
  • Le comunicazioni ai nostri clienti
  • Le promozioni in corso
  • Le previsioni meteo a Treviso nei prossimi 4 giorni

 

Le erbacee perenni…

mercoledì, 20 aprile 2011

Cosa sono le “erbacee perenni”?
Si tratta di quelle piante capaci di vivere per molti anni (perenni appunto) e la cui caratteristica è di produrre fusti, foglie e fiori nei mesi caldi e sparire alla vista nei mesi freddi, mantenendo in vita solo le radici. Sono dunque piante ben diverse dagli arbusti, sempreverdi o caduchi e in genere, ma non sempre, di dimensioni più contenute.

Come scegliere un’erbacea perenne da mettere in giardino?
Prima di tutto bisogna capire dove si vuole mettere la pianta, quindi in quali condizioni si verrà a trovare: principalmente sole/ombra. Bisogna capire che, se si ha a disposizione un posto all’ombra, non si potrà puntare sulle fioriture, scarse in quella condizione, ma sui fogliami e sulle diverse tessiture. Le erbacee perenni sono per la stragrande maggioranza piante da sole. Una volta scelta la specie/varietà che si desidera bisogna porre molta attenzione a qualcosa che in genere si trascura: il terreno. Nel caso delle erbacee perenni infatti il terreno dove si coltivano decide spesso del loro successo. Deve essere preparato in modo da accoglierle al meglio e concimato a dovere: non occorrono concimi chimici, basta quello animale. Le erbacee perenni non sono in grado, soprattutto appena piantate, di reggere molto la concorrenza con le infestanti tipiche di un giardino, quindi nei primi tempi bisogna fare attenzione alla manutenzione. Quando poi la pianta si sarà bene assestata e avrà sviluppato una bella vegetazione vigorosa, sarà tutto più semplice.

Come piantarle, una volta individuato il luogo adatto?
Altro elemento fondamentale: la spaziatura fra le piante. Spesso i vivai consigliano moltissimi esemplari fitti per metro quadrato. Per le erbacee perenni questo non va bene perché hanno una crescita che le porta spesso a diventare in breve tempo il doppio di quello che appaiono al momento dell’acquisto: questo va previsto preventivando, lasciando dunque per loro lo spazio per allargarsi. E’ vero, all’inizio lo spazio progettato non sembrerà immediatamente bello esteticamente, ma la scelta sul lungo termine pagherà perché le piante, essendosi sviluppate al meglio, saranno forti e molto più belle, adattandosi al posto per cui sono state scelte. E ci faranno anche risparmiare, perché non occorrerà sostituirle.

Le erbacee perenni però hanno un difetto. Spariscono d’inverno…
E’ vero, di sempreverdi ce ne sono pochissime. Quasi tutte perdono la parte aerea (fusti e foglie) conservando solo le radici nel terreno, da cui germoglieranno di nuovo nella primavera successiva.

Cosa fare dunque nei mesi freddi?
E’ importante usare la pacciamatura, spargendo sul terreno corteccia o altro, ma attenzione: non troppo spessa, come adesso va di moda fare. La pacciamatura è stata inventata in Germania ma per un motivo tutto diverso da come la si usa in Italia. I tedeschi hanno pensato che, coprendo leggermente una superficie più vasta possibile, avrebbero mantenuto una temperatura più alta nel terreno. Invece da noi ha acquisito una valenza estetica. Anche questo fattore va valutato, ma ne basta uno strato di pochi cm, altrimenti c’è il rischio che la pianta sottostante possa marcire.

Consigli:

X Chiudi

Tutti i campi sono obbligatori